Champagne Brut “Cuvée Saint-Pétersbourg” – Veuve Clicquot

 75,00

Champagne Brut “Cuvée Saint-Pétersbourg” – Veuve Clicquot

 

Vitigni: pinot noir, chardonnay, pinot meunier

Tradizionalmente, le proporzioni delle diverse varietà di uve utilizzate prevedono un 50-55% di Pinot Nero, dal 15 al 20% di Meunier e dal 28 al 33% di Chardonnay. Queste percentuali variano leggermente da un anno all’altro in base alle circostanze.. Per l’assemblaggio, egli attingerà dai più preziosi vini di riserva: dal 30 al 45% per garantire la continuità dello stile tipico della Maison. Tutti i vini vengono conservati separatamente per preservare le qualità uniche del loro vigneto e/o annata.

Barbe Nicole Ponsardin, meglio conosciuta come la “vedova Clicquot”, nel 1814 riuscì a superare il blocco continentale che immobilizzava l’Europa negli scambi commerciali, facendo approdare il suo Champagne a San Pietroburgo. Il successo fu incredibile e oggi, lo Champagne Brut “Cuvée Saint Pètersbourg” della maison Veuve Clicquot Ponsardin è dedicato proprio all’intraprendenza di madame Clicquot-Ponsardin. Ha un forte carattere, conferitogli dal pinot noir che predomina nella cuvée, ma rimane comunque elegante e morbido.

79 disponibili

COD: Champagne Brut "Cuvée Saint-Pétersbourg" - Veuve Clicquot Categorie: ,

Descrizione

VEUVE CLICQUOT

Tutto inizia nel 1772, quando Philippe Clicquot, uomo d’affari e proprietario terriero, fonda “un négoce de vin à l’enseigne Clicquot”. Una piccola realtà, che aspira a oltrepassare le frontiere per far conoscere il nuovo nome dello Champagne al mondo intero. Nel 1798, François Clicquot, figlio del fondatore della Maison, sposa Barbe Nicole Ponsardin. Sarà quest’ultima che dopo aver ereditato dal marito tutta la passione e tutte le competenze per la produzione e per la commercializzazione dello Champagne, riuscirà a far crescere l’impresa fino a farla diventare una delle Maison più famose e rinomate non solo della zona di Reims, ma di tutta la regione della Champagne. Barbe Nicole Ponsardin, infatti, rimasta vedova a soli ventisette anni, dopo la morte del marito prende in mando saldamente le redini aziendali, divenendo di fatto una delle prime grandi imprenditrici donne della storia moderna, conosciuta da tutti con l’appellativo di “vedova Clicquot”, ovvero “Veuve Clicquot”, da cui il nome stesso della Maison.
Sotto la guida della giovane vedova, si conobbero alcune intuizioni che giovarono a tutta la denominazione. Dal primo Champagne millesimato, quello del 1810, fino al perfezionamento della tecnica del remuage, passando per la messa a punto della liqueur de tirage utile alla seconda rifermentazione in bottiglia, non c’è aspetto che lei non seguisse personalmente.
Senza dimenticare, poi, la sua grande abilità commerciale, grazie alla quale la stessa Barbe Nicole Ponsardin riuscì nel 1814 a superare il blocco continentale che immobilizzava l’Europa negli scambi mercantili, facendo approdare il suo Champagne direttamente in Russia, a San Pietroburgo, con quella che oggi non a caso è nota come “cuvée Saint Petersbourg”.
Una storia di eccellenza, insomma, che attualmente, sotto il segno del gruppo del lusso LVMH proprietario della Maison dal 1986, continua grazie a Champagne dalla personalità unica, sempre riconoscibili nella loro immediata eleganza e nella loro straordinaria raffinatezza.