Delia a.C. Bombino bianco IGP Puglia 2020 Madri Leone

 18,00

Delia a.C. 2020

Bombino bianco IGP Puglia

Madri Leone

 

Vino da uve Bombino Bianco 100% allevate su terreno calcareo argilloso.

In cantina affinamento su fecce fini per 2/3 mesi e in bottiglia per 1 mese.

Vendemmia metà settembre 2020.

Giallo paglierino tenue, al naso rivela delicati profumi di fiori bianchi e gialli, e dolci sentori agrumati. Sorprendente in bocca per la sua freschezza naturale, con una facile beva supportata da un’armonica sapidità.

Abbinamenti con piatti tipici del territorio: Spaghetti allo scoglio, frittura di pesce, burrata, sformato di patate.

Proveniente da uno dei vitigni più antichi del mezzogiorno, questo vino è legato alla prima madre della storia.

La delicatezza delle sue note floreali si associa alla mano gentile della mamma, nell’atto di proteggere la sua creatura posata sul ventre da millenni.
Un vino legato alla propria terra come l’abbraccio di Delia e suo figlio.

Delia, questo il nome datole affettuosamente dal suo scopritore Donato Coppola, è considerata la prima madre della storia; i suoi resti, ritrovati nella grotta di Santa Maria d’Agnano, in prossimità di Ostuni nel 1991, sono antichi di 28mila anni. La donna è stata rinvenuta col suo feto in grembo, all’ottavo mese di gestazione.

9 disponibili

COD: delia20 Categorie: ,

Descrizione

L’ Azienda
Madri Leone è un’azienda tutta al femminile che, vino dopo vino, etichetta dopo etichetta, narra le storie di alcune donne italiane che hanno fatto la storia, un canto libero e un racconto epico ed enologico dedicato ad altre madri.

Un inno al loro amato territorio pugliese, tra la Murgia, il Gargano e la Bassa Daunia, poco distante dalla Terra di Bari e dalla Capitanata, una terra ricca di influenze vinicole e culturali che sta vivendo negli ultimi anni una vera rinascita qualitativa.

L’azienda sorge infatti a Trinitapoli, in provincia di Barletta-Andria-Trani, in prossimità della costa adriatica, della Riserva Naturale delle Saline di Margherita di Savoia e del fiume Ofanto, tutti agenti naturali che influenzano qualitativamente la produzione vinicola della zona.