Lama dei Corvi 2020 Chardonnay Castel del Monte D.O.C. Rivera

 18,00

Lama dei Corvi 2020 Chardonnay Castel del Monte D.O.C. Rivera

 

  • Focus varietà: 100% Chardonnay – Vigneto Lama di Corvo
  • Vendemmia: Seconda settimana di Agosto. Resa di 80-90 q/ha
  • Vinificazione: Fermentazione a 18°C in barrique nuove di rovere francese.
  • Affinamento: 8 mesi in barrique nuove di rovere francese – 6 mesi in bottiglia.
  • Note di degustazione: Giallo paglierino carico; bouquet complesso di frutta bianca matura con note boisè. Palato complesso ed elegante, molto appagante grazie al lungo finale.
  • Capacità di invecchiamento: 4-6 anni
  • Grado alcoolico: 13,5%

Vino di grande struttura ed eleganza ottenuto dalla vendemmia manuale di uve Chardonnay allevate nello scenografico vigneto Lama di Corvo ricavato sui terreni calcareo-rocciosi a 350 metri di altitudine, nel cuore della zona DOC Castel del Monte. Le uve sono raccolte nella seconda settimana di agosto e il mosto ottenuto fermenta in barrique di rovere francese di primo passaggio nelle quali prosegue l’affinamento del vino per i successivi 8 mesi.
Per la complessità delle sensazioni organolettiche, l’abbinamento più consigliato è con primi piatti elaborati, anche a base di pesce, e carni bianche.

13 disponibili

COD: Lama dei Corvi 2020 Chardonnay Castel del Monte D.O.C. Rivera Categorie: ,

Descrizione

«Rivera è una delle più importanti aziende vinicole italiane. Questa cantina eccelle con i suoi vini rossi che non sono solo splendidi in termini assoluti, ma hanno anche un rapporto qualità-prezzo eccezionale.
Sotto la direzione della famiglia de Corato, Rivera produce vini che catturano tutta l’esuberanza della Puglia, pur mantenendo uno splendido senso della struttura.»

Castel del Monte

«Basta osservare la sua geografia per comprendere l’importanza della sua storia.
Un ponte sul Mediterraneo, tra Oriente e Occidente. Una terra attraversata, nei secoli, da popoli e culture diversissime, le cui tracce si ritrovano ancora oggi nell’arte, nella lingua, nelle usanze della sua gente.
È qui che approdò, dalla vicina Grecia, la coltura della vite. È da qui che si diffuse, in tutt’Europa, la cultura del vino. È qui che, insieme ad ogni grappolo, si raccolgono i frutti di una millenaria tradizione di qualità.»