PAS DOSE’ FRANCIACORTA DOCG MOSNEL

 31,00

PAS DOSE’ FRANCIACORTA DOCG

MOSNEL

Vinificazione
In bianco in pressa pneumatica con separazione della I e II spremitura. Dopo 12 ore di decantazione a 15° C, inoculo di lieviti selezionati per la fermentazione parte in vasche di acciaio inox a temperatura controllata e parte in botti di rovere di piccole dimensioni. Malolattica e travaso precedono l’assemblaggio della Cuvée che in primavera, aggiunto lo “sciroppo di tiraggio”, viene imbottigliata, tappata con il tappo a corona e coricata in catasta per la presa di spuma.

Maturazione ed affinamento
Le bottiglie accatastate restano almeno 30 mesi nei locali delle nostre cantine prima del “remuage”. Successivamente sboccate e dosate con lo stesso vino, ricevono il tappo a fungo e la gabbietta. Almeno tre mesi di affinamento ulteriore sono infine necessari prima di immettere questo Franciacorta sul mercato.

Gradazione alcolica
12,5% vol.

Vitigni
Chardonnay, Pinot Bianco e Pinot Nero

Collocazione geografica delle uve
Nei nostri vigneti con esposizione Est – Sud/ Est

Tipologia terreno
Piane e ondulazioni interne del morenico, di media fertilità, sciolto, con scheletro di media profondità

Sistema di allevamento
Guyot

Resa per ettaro
80 quintali di uva per ettaro = 52 ettolitri per ettaro.

Vendemmia
Vendemmia manuale in casse avvenuta fra la seconda e la quarta settimana di agosto

Prodotto per la prima volta nel
1980 Extra Brut, dal 2005 Pas Dosé

12 disponibili

COD: PAS DOSE' FRANCIACORTA DOCG MOSNEL Categorie: ,

Descrizione

Nel cuore della Franciacorta, si trova la secolare residenza con le cantine cinquecentesche e le terre annesse, che testimonia la lunga tradizione vitivinicola che i Barboglio ereditarono nel 1836. Tale vocazione fu sviluppata grazie alle intuizioni di Emanuela Barboglio con l’impianto dei primi vigneti specializzati e nel 1968 con l’adozione della neonata DOC Franciacorta. Dal 1976 venne abbandonato il nome “Azienda Agricola Barzanò Barboglio” per l’attuale “Mosnel”, toponimo dialettale di origine celtica che significa pietraia, cumulo di sassi, sul quale sorge l’Azienda. Alla guida di Mosnel c’è la quinta generazione di vignaioli, i figli di Emanuela Barboglio: Giulio Barzanò che segue la parte tecnica, produttiva e commerciale; mentre Lucia Barzanò si occupa del marketing, delle relazioni esterne e dell’ amministrazione. La famiglia si avvale della collaborazione di uno staff altamente preparato e di consulenti agronomi ed enologi di grande esperienza che seguono costantemente la produzione e il suo evolversi.